Letteratura italiana – lezione 3

Corso tenuto dalla professoressa Viviana Melani.

Poesia femminile nel Cinquecento

“E quindi, nello splendore della mia vita, liberai il mio cuore da morte certa”. Questo è un versetto tratto da una poesia femminile cinquecentesca. Petrarca scrisse trecento sonetti e sette sestine. I suoi sonetti mostravano il suo amore nei confronti di Laura (da lui chiamata l’aura, come se il nome stesso volesse rappresentare qualcosa di sacro).

La parola poetica si porta dietro dei significati accessori, perché la stessa poesia non è statica, ma dinamica. Basti pensare a Petrarca, Boccaccio e Ariosto. Una doppia parola può portare a una doppia valenza.

Annunci